La ricerca a tavola

    Pomodori e salute

    Pomodori e salute

    Originario dell’America del Sud e definito l’imperatore degli orti mondiali, il pomodoro è un ortaggio conosciuto e utilizzato in tantissimi Paesi, e particolarmente apprezzato per le sue proprietà salutari. Appartiene alla famiglia delle Solanacee (Solanum Lycopersicum). Il fusto della pianta, alta al massimo due metri, non è abbastanza resistente per sostenere i pomodori, e ha quindi bisogno di appositi sostegni. Infatti, è sostenuta da canne di bambù piantate in terra, attorno alle quali si intrecciano le foglie e i piccoli rami. I fiori si presentano a grappoli, distribuiti lungo il fusto e le sue ramificazioni. Il terreno ideale per la coltura deve essere ben drenato e fresco, con una temperatura di germinazione di 12–13 gradi, e di 22–25 gradi per svilupparsi e produrre i frutti. Il pomodoro non sopporta la siccità e ha quindi bisogno di molta acqua, che, nei periodi di carenze idriche deve essere fornita artificialmente. I frutti sono chiamati anch’essi pomodori e sono delle bacche verdi o rosse che hanno dimensioni diverse a seconda della varietà. Si ricordano: Pomodori a forma allungata: Maremma; San Marzano; Pomodori tondi lisci; Sunrise; Montecarlo; Pomodori costoluti; Samar; Pantano; fiorentino; Pomodori ciliegia e a dattero (pomodoro cherry); Pomodori a forma schiacciata, ombelicata e globosa

    Il principale ingrediente dei pomodori è l’acqua (94%), a seguire le proteine, che non superano l’1%, i grassi, pari allo 0,2%,. e i carboidrati, al 2,8%. Nella componente acquosa del pomodoro sono disciolti molti sali minerali come: il potassio, che aiuta a ridurre la pressione arteriosa e regolare la contrazione muscolare; il fosforo, che interviene in numerosi processi nell’organismo come quelli di riparazione cellulare e regolazione del pH; il calcio e oligoelementi, come ferro, zinco e selenio. Il pomodoro inoltre è ricco di fibre, concentrate nella buccia e nei semi. e di vitamina A, B e C. Quest’ultima ha una forte azione antiossidante, poichè combatte i radicali liberi e stimola il buon funzionamento del sistema immunitario, proteggendo da virus e batteri. Modico anche il contenuto di acidi organici, quali malico, citrico e succinico utili per favorire la digestione. Il pomodoro infine è un’ottima fonte di licopene, che è un potente antiossidante, al quale vengono attribuite proprietà di protezione dell’organismo nei confronti delle malattie correlate all’invecchiamento cellulare, ai tumori (1) e alle patologie cardiovascolari. (2).

    Inoltre, sono in grado di controllare e ridurre i livelli di colesterolo nel nostro organismo, in particolare le quantità di colesterolo LDL, quello cattivo, proteggendo il cuore, e riducendo la pressione arteriosa (3).

    Nonostante le tante proprietà benefiche verificate, il pomodoro è controindicato per l’acidità di stomaco, poiché comporta il peggioramento dei sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo. Risulta essere anche una bomba biologica, perché ricco di istamina. Quindi è in grado di scatenare reazioni allergiche, come eruzione cutanea, orticaria, starnuti, tosse e prurito. Allo stesso modo le bucce e i suoi semi possono provocare il peggioramento dei sintomi della sindrome dell’intestino irritabile.

    Fonti di riferimento:

    1-Tomato and lycopene and multiple health outcomes: Umbrella review

     https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33131949

    2-Lycopene and heart health

    https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22419532/

    3- Effect of lycopene and tomato products on cholesterol metabolism

     https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22965217/

     Maddalena Pizzulo - nutrizionista

     

     


    Biogem S.c.a r.l. P.Iva 02071230649
    Via Camporeale Area P.I.P. Ariano Irpino (AV) Italy
    Tel. +39 0825 881811 - Fax +39 0825 881812 - biogem@biogem.it

    © 2021 Biogem scarl. All Rights Reserved.