SENSORMIRCIRCOLAR: Determinazione di una signature di miRNA circolanti con nanosensori innovativi per la diagnosi e prognosi dei tumori della laringe

Il progetto si pone l'obiettivo di sviluppare un kit diagnostico basato sulla quantizzazione di biomarcatori molecolari nella saliva di pazienti con alto rischio di sviluppare carcinoma della laringe (LSCC) (diagnosi precoce) ed in pazienti con LSCC conclamato per monitorare la progressione della malattia e prevederne l’invasione linfonodale (valenza prognostica). I biomarcatori utilizzati saranno microRNA frequentemente deregolati in tali neoplasie.  Tali biomarcatori sono stati individuati grazie a ricerche precedenti svolte dai proponenti. Il kIt diagnostico che si intende realizzare si baserà su una tecnologia innovativa che prevede l'utilizzo di nanofibre in diverso materiale in grado di funzionare come biosensori e rivelare attraverso diverse metodologie (colorimetriche, fluorescenza, spettrometria etc) la presenza di uno o più biomarcatori di interesse. Tale tecnologia permette il design di un dispositivo di facile utilizzo in ambito clinico, a costi relativamente bassi e di facile utilizzo.       


Codice progetto:

POR FESR 2014-2020 TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

 

Valore totale:

1.358.214,80€

 

Scadenza:

30 Aprile 2020

 

RISULTATI ATTESI:
Lo studio si propone di sviluppare un kit diagnostico in grado di rilevare e quantificare  miRNA con valore diagnostico e prognostico (predizione di risposta ai trattamenti chirurgici e radioterapici) nel carcinoma squamocellulare della laringe (LSCC) (coinvolgimento linfonodale ed estensione TNM di malattia).
Il progetto consentirà lo sviluppo di nuove strategie diagnostiche in grado di determinare, mediante l’utilizzo di biosensori, la presenza di microRNA (biomarcatori) su tessuto tumorale e fluidi biologici (sangue,saliva) in grado di predire sia l’estensione di malattia che la risposta al trattamento.
Inoltre, la collaborazione con il Prof. Evzen Amler della CharlesUniversity di Praga permetterà di mettere a punto dei nanosensori basati sull’utilizzo di nanofibre di caprolattone funzionalizzati con probe di DNA fluorescenti. Lo sviluppo di nanosensori permetterà in maniera rapida di determinare la presenza di miRNA nei campioni biologici.
Il progetto intende quindi produrre nuove strategie diagnostiche, prognostiche e predittive di risposta al trattamento con un concomitante sviluppo di un avveniristico dispositivo basato su esclusive nanofibre con capacità di biosensing di molecole di interesse biologico.